Percorsi di Empowerment: Formazione

Carissima, carissimo,

attraverso il coinvolgimento di alcune-i tra voi, che hanno partecipato al focus del 18 febbraio 2012 e alla caratterizzazione dei vari bisogni formativi in gioco, si è individuato il primo “percorso di empowerment”, tra pazienti, familiari, direttamente coinvolti nei piani di cura, e volontari, in un ambito specifico e prorompente quale il valore della vostra esperienza e la necessità di essere riconosciuti come interlocutori ineludibili.

Il percorso si svolgerà in 2 tappe, presso il salone dell’AVIS, Largo Volontari del Sangue 1, Milano, correlate, con modalità interattive - e perciò aperto a 20 discenti, e sarà così strutturato:

 

 

Tappa 1 - 14 aprile 2012 :
IL PAZIENTE ESPERTO
Nel corso del tempo, l’esperienza della cura e della cronicità può far nascere non solo una grande conoscenza delle dinamiche relative alla propria salute, di come si reagisce ai trattamenti ma anche di come si può contribuire a migliorare la propria qualità di vita.
Riconoscersi ed essere riconosciuto quale paziente esperto può fare la differenza:
•    per essere più sereno e proattivo nelle scelte di cura,
•    per prevenire le possibili complicanze,
•    e per consolidare una progettualità positiva nella vita quotidiana ( dal diritto al lavoro, ad un inserimento nella vita sociale, ad una genitorialità responsabile…). – in allegato il programma.

Tappa 2 – 21 aprile o 5 maggio 2012 (dipenderà dalla preferenza dei partecipanti)
L’ÉQUIPE COMPLESSA, LA RELAZIONE DI CURA… UN RELAZIONE IN ÉQUIPE
Far parte di un’équipe vuol dire essere proattivi, suggeritori di percorsi di cura e “spericolatamente” in relazione: l’essere immersi durante tutta la vita in delicate e complesse dinamiche relazionali e decisionali, visto che l'équipe di cura e gli attori coinvolti nel percorso sono numerosi e appartenenti a ruoli e mondi diversi, non è faccenda di poco conto.
Per questo ci sembra davvero importante che i pazienti e i familiari dei pazienti acquisiscano la consapevolezza del proprio ruolo e della necessità di essere riconosciuti quali interlocutori validi dell'équipe complessa, che vengano coinvolti nelle procedure di cura e ricevano chiavi di lettura e soprattutto "strumenti" per muoversi al meglio all'interno della rete.

La partecipazione di ciascuna-o di voi non solo farà la differenza ma contribuirà a costruire un laboratorio formativo di incontro, di messa in comune di conoscenze, esperienze e possibilità, un spazio condiviso dove rafforzare la propria competenza in un ambito fondamentale come quello dei diritti e della bioetica per la tutela della propria salute e qualità di vita.

Se vuoi essere parte di questo primo percorso per favore confermaci il tuo interesse via email a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. oppure contattate liberamente Sara al 3477002001.

 

grazie

Per il Consiglio Direttivo                    Bioeticista
Barbara Pisano                                Sara Casati